DALLE AUTO “NO COST” A QUELLE “NO PRICE”, ANCORA PROBLEMI PER I DRIVERS